Il Nostro Lavoro

Standard Aperti

Il lock-in dei dati è una delle tecniche più comuni per alzare artificialmente il costo della migrazione al Software Libero. Assicurare la migliore interoperabilità possibile attraverso gli Standard Aperti è essenziale per permettere agli utenti di evitare di essere intrappolati dai propri fornitori. Il lavoro di FSFE sugli Standard Aperti mira a evitare che si debbano perdere tutti i propri dati durante la migrazione verso il Software Libero.

Introduzione

La rilevanza degli Standard Aperti è strettamente legata agli effetti di rete, ed è quindi cresciuta in modo significativo. Il premio per i distributori proprietari che sfruttano il sistema a proprio vantaggio sta crescendo, così come il costo per gli utenti del software.

I governi, le organizzazioni non governative di pubblico interesse, e i gruppi che si occupano della libertà di concorrenza o dei diritti del consumatore sono generalmente forti sostenitori degli Standard Aperti. I soliti critici, invece, sono i distributori di software proprietario e coloro che rappresentano i loro interessi. Uno degli aspetti che i critici cercano di sottolineare è il conflitto intrinseco tra innovazione e standardizzazione.

La standardizzazione limita deliberatamente i cambiamenti a una tecnologia di base, e quindi l'innovazione. Questi limiti vengono introdotti per permettere ulteriore innovazione da parte di chiunque abbia accesso allo standard e non solo al soggetto che controlla la tecnologia di base. Dunque gli standard limitano la possibilità di innovare da parte di un singolo soggetto per permettere l'innovazione sulla base di questo standard da parte di molteplici soggetti.

Gli Standard Aperti permettono l'innovazione da parte di tutti i soggetti, impedendo allo sviluppatore iniziale della piattaforma di limitare l'innovazione o la concorrenza che essa rappresenta.

Gli obiettivi di FSFE includono la libertà dal lock-in, e le libertà di innovazione e concorrenza per tutti. Ecco perché FSFE è un convinto sostenitore degli Standard Aperti.

Pubblicazioni

Pubblicazioni all' IGF

Pubblicazioni su MS-OOXML

Notizie correlate

Filing taxes without non-free software: Slovak company appeals fines

11 June 2013:

In a case of a Slovak company protesting against being forced to use non-free software to file taxes, a court has failed to rule on the substance of the case.

FSFE responds to UK Open Standards Consultation

01 June 2012:

FSFE has submitted its response [Update: see as PDF version or HTML version] to a public consultation by the UK Government, concerning a definition of Open Standards and a policy for increasing their use in the UK's public sector. If the policy is applied boldly and proactively, the UK stands to greatly gain from increased competition in the software market, with much greater opportunities for small companies. On the other hand, even minor lapses in implementation could derail the policy entirely.

FSFE responds to UK Open Standards Consultation

01 June 2012:

FSFE has submitted its response [pdf] to a public consultation by the UK Government, concerning a definition of Open Standards and a policy for increasing their use in the UK's public sector. If the policy is applied boldly and proactively, the UK stands to greatly gain from increased competition in the software market, with much greater opportunities for small companies. On the other hand, even minor lapses in implementation could derail the policy entirely.

FSFE: NW UK businesses please tell Government that Open Standards matter

28 May 2012:

Is the Government one of your potential customers? Free Software may shortly be locked out of opportunities in the public sector if proposed Open Standards policy is adopted.

Executive summary of the EURA case

09 May 2012:

Slovak textile importer EURA Slovakia, s.r.o. is facing EUR 5600 in fines because it did not buy and use the Microsoft Windows operating system for submitting electronic tax reports. Slovak tax administration gave EURA only two options: either to buy and use Microsoft Windows or face the fines. This is also how we could briefly summarize the decision of Slovak tax administration from a few weeks ago. The administration imposed several fines on a company, EURA Slovakia, which submitted its tax reports on paper, because the use of electronic form was impossible as the state's web application worked only on the Microsoft Windows operating system. The company now plans to appeal to the court and to demand that the state stops forcing businesses to use a certain product, instead of requiring that the public administration uses a multi-platform technical solution based on Open Standards that is available for everybody.