Il Nostro Lavoro

Standard Aperti

Il lock-in dei dati è una delle tecniche più comuni per alzare artificialmente il costo della migrazione al Software Libero. Assicurare la migliore interoperabilità possibile attraverso gli Standard Aperti è essenziale per permettere agli utenti di evitare di essere intrappolati dai propri fornitori. Il lavoro di FSFE sugli Standard Aperti mira a evitare che si debbano perdere tutti i propri dati durante la migrazione verso il Software Libero.

Introduzione

La rilevanza degli Standard Aperti è strettamente legata agli effetti di rete, ed è quindi cresciuta in modo significativo. Il premio per i distributori proprietari che sfruttano il sistema a proprio vantaggio sta crescendo, così come il costo per gli utenti del software.

I governi, le organizzazioni non governative di pubblico interesse, e i gruppi che si occupano della libertà di concorrenza o dei diritti del consumatore sono generalmente forti sostenitori degli Standard Aperti. I soliti critici, invece, sono i distributori di software proprietario e coloro che rappresentano i loro interessi. Uno degli aspetti che i critici cercano di sottolineare è il conflitto intrinseco tra innovazione e standardizzazione.

La standardizzazione limita deliberatamente i cambiamenti a una tecnologia di base, e quindi l'innovazione. Questi limiti vengono introdotti per permettere ulteriore innovazione da parte di chiunque abbia accesso allo standard e non solo al soggetto che controlla la tecnologia di base. Dunque gli standard limitano la possibilità di innovare da parte di un singolo soggetto per permettere l'innovazione sulla base di questo standard da parte di molteplici soggetti.

Gli Standard Aperti permettono l'innovazione da parte di tutti i soggetti, impedendo allo sviluppatore iniziale della piattaforma di limitare l'innovazione o la concorrenza che essa rappresenta.

Gli obiettivi di FSFE includono la libertà dal lock-in, e le libertà di innovazione e concorrenza per tutti. Ecco perché FSFE è un convinto sostenitore degli Standard Aperti.

Pubblicazioni

Pubblicazioni all' IGF

Pubblicazioni su MS-OOXML

Notizie correlate

Joint statement : Maximising inclusiveness and engagement through the use of Open Standards in the European Commission

25 March 2015:

Today is Document Freedom Day, the international day to celebrate and raise awareness of Open Standards. On this occasion, we would like to reflect on the importance for public institutions in general, and for the European Commission in particular, considering its leadership role, of using Open Standards in all their digital communication and services.

FSFE responds to EU consultation on patents and standards

18 February 2015:

In order to push for a more enlightened policy approach to managing innovation and knowledge, FSFE has submitted a response [pdf] to an EU consultation on patents and standards. This is the latest action in FSFE's ongoing work in promoting Open Standards.

EU to fund Free Software code review

19 December 2014:

The European Parliament has approved funding for several projects related to Free Software and privacy. In the EU budget for 2015, which the European Parliament adopted on December 17, the Parliamentarians have allocated up to one million Euro for a project to audit Free Software programs in use at the Commission and the Parliament in order to identify and fix security vulnerabilities.

Study: To ensure transparency, European Parliament must adopt Free Software, Open Standards

12 December 2014:

A study released on Friday says that the European Parliament must adopt Free Software and Open Standards in order to fulfil its transparency obligations. The authors conclude that "the Rules of Procedure of the European Parliament should whenever possible make Free Software and Open Standards mandatory for all systems and data used for the work of Parliament."

[Blog] FSFE comments at European Parliament's DG ITEC conference

20 November 2014:

At a meeting in the European Parliament, FSFE's president Karsten Gerloff highlighted several ways in which the Parliament could become more transparent, and make better use of Free Software and Open Standards.

In a short intervention, he urged the Parliament to finally make its live streams accessible to Free Software users. He asked the Parliament's IT administration to enable IMAP access on its mail servers to allow Free Software users to connect through standard protocols, and warned the Parliament to avoid lock-in as it progresses towards greater digitisation.