Il Nostro Lavoro

Standard Aperti

Il lock-in dei dati è una delle tecniche più comuni per alzare artificialmente il costo della migrazione al Software Libero. Assicurare la migliore interoperabilità possibile attraverso gli Standard Aperti è essenziale per permettere agli utenti di evitare di essere intrappolati dai propri fornitori. Il lavoro di FSFE sugli Standard Aperti mira a evitare che si debbano perdere tutti i propri dati durante la migrazione verso il Software Libero.

Introduzione

La rilevanza degli Standard Aperti è strettamente legata agli effetti di rete, ed è quindi cresciuta in modo significativo. Il premio per i distributori proprietari che sfruttano il sistema a proprio vantaggio sta crescendo, così come il costo per gli utenti del software.

I governi, le organizzazioni non governative di pubblico interesse, e i gruppi che si occupano della libertà di concorrenza o dei diritti del consumatore sono generalmente forti sostenitori degli Standard Aperti. I soliti critici, invece, sono i distributori di software proprietario e coloro che rappresentano i loro interessi. Uno degli aspetti che i critici cercano di sottolineare è il conflitto intrinseco tra innovazione e standardizzazione.

La standardizzazione limita deliberatamente i cambiamenti a una tecnologia di base, e quindi l'innovazione. Questi limiti vengono introdotti per permettere ulteriore innovazione da parte di chiunque abbia accesso allo standard e non solo al soggetto che controlla la tecnologia di base. Dunque gli standard limitano la possibilità di innovare da parte di un singolo soggetto per permettere l'innovazione sulla base di questo standard da parte di molteplici soggetti.

Gli Standard Aperti permettono l'innovazione da parte di tutti i soggetti, impedendo allo sviluppatore iniziale della piattaforma di limitare l'innovazione o la concorrenza che essa rappresenta.

Gli obiettivi di FSFE includono la libertà dal lock-in, e le libertà di innovazione e concorrenza per tutti. Ecco perché FSFE è un convinto sostenitore degli Standard Aperti.

Pubblicazioni

Pubblicazioni all' IGF

Pubblicazioni su MS-OOXML

Notizie correlate