AGNULA

Libertà nella multimedialità

L'area multimediale in generale e quella dell'audio in particolare sono state a lungo dominate quasi esclusivamente dal software proprietario. Nel 2001, con il progetto AGNULA – "A GNU/Linux Audio distribution", un gruppo di università, aziende e organizzazioni europee, tra cui la Free Software Foundation Europe (FSFE), ha posto le basi per cambiare questa situazione.

Finalmente, all'inizio del 2004 è stata rilasciata la versione 1.0 di AGNULA.

Usare AGNULA

Per gli utenti

Tutti sono incoraggiati a usare AGNULA e a partecipare al progetto. Il miglior punto di partenza è la home page del progetto AGNULA.

Per i distributori

Tutti sono incoraggiati a distribuire AGNULA e prodotti o servizi basati su di esso, a patto di rispettare le regole contenute nalla licenza del marchio AGNULA.

Approfondimenti

Questa sezione contiene alcuni approfondimenti e informazioni storiche sul progetto AGNULA.

Information Society Technologies

IST, Information Society Technologies

AGNULA è stato accettato come progetto della Commissione Europea IST-2001-34879 ed è stato finanziato dal primo aprile 2002 fino al 31 marzo 2004. Il progetto è stato coordinato da Nicola Bernardini del Centro Tempo Reale di Firenze (Italia).

Il progetto si è concluso con piena soddisfazione della Commissione Europea: è possibile leggere la relazione finale riguardante AGNULA sulla pagina dei risultati IST della Commissione Europea: http://istresults.cordis.lu/index.cfm?section=news&tpl=article&BrowsingType=Features&ID=64618.

I contributi della FSFE

La FSFE ha avuto un ruolo seminale nel progetto AGNULA per quanto riguarda gli aspetti legali, le decisioni sulle politiche di licenza e la "manutenzione legale" del progetto. Inoltre, la FSFE si è impegnata a salvaguardare gli interessi della comunità del Software Libero e a disseminare nel modo più efficace i risultati finali del progetto:

Altre informazioni

Per ulteriori informazioni e per partecipare alla comunità di AGNULA, è possibile visitare la home page del progetto AGNULA.