Newsletter

FSFE Newsletter – Luglio 2014

Written by   Pubblicato  

Privacy caffè: cifratura delle mail come pasto principale!

Immagina di portare degli amici al bar, ma invece di bevande calde e fredde, il menù prevede informazioni sulle misure da adottare per garantire la privacy nel mondo digitale. Ad esempio "https dappertutto" come primo piatto, "E-mail cifrate con GnuPG" come secondo, e "tosdr.org" (informazioni riguardo i termini di utilizzo) come dolce. Questi tipi di bar esistono già nei Paesi Bassi. Al meeting tedesco dell'FSFE in Essen, Felix Stegerman, il nostro vice coordinatore nei Paesi Bassi, ha presentato il suo progetto per creare più "privacy caffè" ed ha spiegato perché lui pensa che è arrivato il tempo ed è un'ottima opportunità per il Software Libero, di fare la stessa cosa anche in altri posti.

Questo perché la maggior parte delle persone che vanno ad un privacy caffè sono già a conoscenza delle problematiche legate alla privacy e alla libertà. Ma in queste occasioni viene data ai volontari locali una buona opportunità di parlare del Software Libero e dell'importanza di usare il Software Libero per i problemi di privacy. Ad esempio, chiedendo ai partecipanti "Chi controlla il software?". Leggi i post nel blog di Felix per ulteriori dettagli a riguardo dei privacy caffè e dei futuri progetti.

Il manuale di auto-difesa per le mail diventa multilingua

Del buon materiale di informazione sulla crittografia e sul Software Libero è cruciale per i privacy caffè appena citati. Fortunatamente la nostra organizzazione associata, la FSF, ha pubblicato il manuale di auto-difesa per le mail, e dei volontari hanno tradotto la guida e l'infografica in altre 6 lingue incluso inglese, tedesco, brasiliano portoghese, francese, russo, turco e giapponese. Questa guida spiega l'installazione, sotto GNU/Linux, MacOS e Microsoft Windows, dei programmi necessari per cifrare le mail, come anche la generazione delle chiavi, il web of trust (rete di fiducia) e l'uso di questi programmi. Tutto quello di cui hai bisogno è un computer con una connessione Internet, un account mail, e circa mezz'ora. Per avere dettagli su come aiutare a divulgare queste informazioni riguardo l'auto-difesa per le mail, guarda la sezione "Attiviamoci" di questa newsletter.

Cosa usare al posto di WhatsApp e Threema?

"Come posso cifrare le mie mail" è una delle maggiori domande che abbiamo ricevuto negli ultimi mesi. Grazie al manuale di auto-difesa per le mail ora abbiamo una buona risposta. Un'altra domanda riguardo la cifratura e la privacy che sovente ci è stata chiesta è: "C'è un'alternativa sicura e libera a WhatsApp?"

WhatsApp è un programma di messaggistica che permette di mandare messaggi (di testo) gratuitamente. Dopo la recente acquisizione di WhatsApp da parte di Facebook e alla luce delle rivelazioni su NSA, molti degli utenti WhatsApp stanno cercando un'alternativa sicura ed affidabile.

Siccome ci sono molte persone coinvolte, da parte della Free Software Foundation Europe vorremmo promuovere un'alternativa che rispetti la tua libertà e la tua privacy. Durante l'ultimo meeting del team FSFE in Essen, abbiamo quindi deciso di fare alcune ricerche e di tenere un workshop sulle alternative a WhatsApp. Hannes Hauswedell e Torsten Grote hanno riassunto i risultati ottenuti.

Qualcosa di completamente diverso

Attiviamoci: diffondi il manuale di auto-difesa per le mail!

Il manuale di auto-difesa per le mail dell'FSF e la corrispondente infografica è una buona documentazione per spiegare la cifratura delle mail a più persone possibili. La FSFE per un po' di tempo passerà materiale informativo sul Software Libero agli attivisti. In aggiunta alle informazioni generali sul Software Libero, Standard Aperti, Gestione delle Restrizioni Digitali (DRM), o F-Droid, in futuro vorremmo distribuire l'infografica.

Prima di stamparne una grossa quantità e spedirla ai nostri gruppi locali e ad altri attivisti in Europa, vorremmo che tu testassi l'infografica con i tuoi amici, la tua famiglia e i tuoi colleghi. Cerca di scoprire se incontrano problemi nel capire alcune parti e usa la nostra lista di discussione pubblica, così che --insieme alla nostra organizzazione associata FSF-- possiamo modificarla nel caso fosse necessario.

Grazie a tutti i volontari, i Fellow e le corporazioni donatrici che consentono il nostro lavoro,
Matthias Kirschner - FSFE