Stampa

Document Freedom Day 2012: Attivisti da tutto il mondo celebrano gli Standard Aperti

Pubblicato il:

Attivisti del Software Libero di tutto il mondo celebrano oggi l'accessibilità dell'informazione e gli Standard Aperti. Attraverso dimostrazioni, talk e workshop, 48 eventi in 17 paesi illustrano come gli Standard Aperti e il Software Libero siano fondamentali per una società dell'informazione libera e concorrenzale.

Un network di 34 organizzazioni partner internazionali diffondono il messaggio a nuovi pubblici, dal Cairo all'Argentina, dalla Polonia a Taiwan, dal Parlamento Europeo all'Università di Aberystwyth.

"Il crescente sostegno al Document Freedom Day dimostra come esista una crescente domanda per i formati accessibili e gli standard imparziali" sostiene il coordinatore della campagna Matthias Kirschner. "Cittadini, aziende e politici richiedono l'adozioni di standard internazionali più giusti e compatibili". Dei premi vengono conferiti quest'anno dai team del Document Freedom Day in Germania, Italia, Slovacchia, e Polonia, ad aziende ed istituzioni pubbliche che abbiano recentemente adottato gli Standard Aperti nelle loro strutture.

Gli Standard Aperti sono una lingua franca, pubblicamente documentata, che i programmi informatici parlano. Sono fondamentali per l'interoperabilità e la libertà di scelta nella tecnologia. Gli Standard Aperti permettono agli sviluppatori di Software Libero di creare programmi che riescano ad interagire con altre soluzioni, permettendo agli utenti di migrare dal software proprietario al Software Libero.

Secondo Sam Tuke, il Vice Coordinatore della campagna, "Il sostegno da parte di celebrità come Stephen Fry, e di organizzazioni come Open Rights Group ha permesso di introdurre gli Standard Aperti a nuovi pubblici quest'anno. Siamo lieti della risposta che abbiamo ricevuto, e dell'impatto politico aggiuntivo che il Document Freedom Day ha avuto".

Il Document Freedom Day 2012 è agevolato dalla Free Software Foundation Europe, e sostenuto dagli sponsor della campagna Google and Oracle.