Testimonial

Vincent Lequertier

Questa pagina è parte di una serie di interviste con amici e sostenitori della FSFE per aiutare a dare un volto alla nostra comunità. Puoi avere una panoramica delle nostre interviste nella pagina dei testimonial

Lequertier

«Sono Vincent Lequertier, ho 23 anni e sono un'appassionato di informatica, intelligenza artificiale e crittografia. Amo imparare cose nuove, leggere, viaggiare e ascoltare la musica».

"La FSFE e me in 30 secondi"

Video di David Vagt. Nessun animale è stato maltrattato e sono stati utilizzati i seguenti programmi di Software Libero: kdenlive, blender, LMMS, Audacity e ffmpeg.

Breve intervista con Vincent Lequertier (2019)

FSFE: Come ti sei interessato alla FSFE e cosa ti ha motivato a diventare un sostenitore?

Vincent Lequertier: La mia prima esperienza con il Software Libero è stata con Cacti, un software di monitoraggio che ho utilizzato per avere report sullo stato e l'utilizzo di banda degli switch di rete. Ricordo quanto fossi eccitato nello scoprire che potevo facilmente modificare il codice sorgente del software, sistemare errori, aggiungere funzionalità e personalizzarlo per soddisfare le mie esigenze. Poi sono stato coinvolto nella comunità di Mozilla e ho iniziato a contribuire al browser web Firefox. Ho scoperto la FSFE lo scorso anno quanto stavo cercando per uno stage in una Onlus che sostenesse il Software Libero. Sapevo già dell'esistenza della FSFE, ma non ho mai dato il mio contributo. Così mi sono candidato al programma degli stage della FSFE. Puoi fare anche questo, è grandioso.

Oltre a sostenere la FSFE, sei anche attivo come volontario. Cosa fai per la FSFE?

Sono parte del team degli hacker di sistema. Il team è responsabile dell'infrastruttura tecnica della FSFE. Questa include, ad esempio, le mailing list, il server Git o il sito savecodeshare.eu. Lavoro maggiormente sui servizi installati su lund.fsfeurope.org, sia nel software utilizzato che negli stessi servizi, dove mi assicuro che tutti funzioni correttamente, siano adeguati alla missione della FSFE e ai bisogni degli utenti. Contribuisco anche alla campagna 'Denaro pubblico? Codice pubblico!' in diversi modi.

Qual è la parte più divertente nell'essere attivi nella FSFE?

La parte migliore per me è essere in grado di guardare intorno e vedere come tutto funziona. Come membro del team degli hacker di sistema, posso avere tutto sotto il mio sguardo. Ogni cosa è fatta in maniera aperta (certamente mantenendo nel contempo la sicurezza!), puoi navigare in tutto il codice, aiutandoci vicendevolmente. Questo rende divertente il mio contribuire.

Al momento quale campagna della FSFE è la tua preferita?

La mia campagna preferita è "Denaro pubblico? Codice pubblico!". La campagna solleva questioni che non mi ero mai chiesto prima, ma che ora hanno per me perfettamente senso. Quando ho scoperto la campagna, mi sono chiesto perché mai avevamo bisogno di farla, perché nelle pubbliche amministrazioni il software non è costruito in modo aperto che permette di lavorare insieme. In Europa, da progetto, molti paesi hanno regolamenti e bisogni simili, quindi perché reinventare la ruota ogni volta? D'altro canto, usando il Software Libero la gente si può fidare maggiormente delle pubbliche amministrazioni, ad esempio conoscendo esattamente come i loro bambini saranno influenzati nelle scuole, o come verranno calcolate le tasse che devono pagare. Quindi mi piace un sacco questa campagna perché, secondo me, è utile per tutti e sta facendo veramente la differenza.

Denaro pubblico? Codice pubblico!

Farebbe qualche differenza basare l'Intelligenza Artificiale sul Software Libero?

Si, assolutamente! Andrò anche oltre dicendo che l'Intelligenza Artificiale basata su software non libero non è usabile. L'IA non è un problema risolto. Siamo molto lontani dall'obiettivo. Devi utilizzare il Software Libero per controllare cosa fa il software IA. Capire come l'Intelligenza Artificiale lavora è già abbastanza complicato, per cui abbiamo bisogno di avere tutto il codice sorgente e tutto l'aiuto disponibile per comprenderlo. È per questo che tutte le più popolari librerie di apprendimento profondo (una branchia dell'Intelligenza Artificiale) sono Software Libero. Ad esempio Tensorflow, Keras, Pytorch, ecc. Anche tutti gli altri benefici del Software Libero fanno la differenza per l'IA: la possibilità di condividere il codice sorgente stimola l'innovazione, assicura che il software possa essere reso sicuro e previene che esso possa diventare chiuso.

Puoi leggere di più sul Software Libero e l'apprendimento profondo nel mio recente post.

In una battuta: qual è il maggiore beneficio del Software Libero?

Il maggior beneficio del Software Libero è la fiducia, perché tu sai di controllare la tecnologia quando la capisci, la migliori e la condividi con tutti.

Qual è il tuo programma preferito di Software Libero?

Il mio programma preferito di Software Libero è Firefox È un browser web sviluppato dalla fondazione Mozilla e la sua comunità. Mi piace perché ti permette di navigare sul web in un modo che rispetta la tua privacy, ed è veloce e sicuro. Essendo Software Libero, chiunque può usarlo, migliorarlo e richiedere nuove funzionalità. Secondo me è un ottimo esempio del perché il Software Libero è di successo: il modello di sviluppo rende impossibile il controllo del software da parte di un singolo e garantisce che il software sia a servizio degli utenti, e non degli interessi di compagnie private. Firefox è in campo da 15 anni e sono sicuro che questo sia dovuto soprattutto per via del sistema di licenze.

Credo che la FSFE debba rendere più semplice contribuire all'infrastruttura tecnica. Attualmente, i volontari devono percorrere una strada complessa per essere coinvolti, e sono abbastanza sicuro che stiamo perdendo potenziali persone che possono contribuire per questo motivo. Ma penso anche che ci stiamo muovendo nelle giusta direzione per risolvere la questione. Spero che continui il trend generale del Software Libero nella legislazione.