Testimonial

Erik Grun

Questa pagina è parte di una serie di interviste con amici e sostenitori della FSFE per aiutare a dare un volto alla nostra comunità. Puoi avere una panoramica delle nostre interviste nella pagina dei testimonial

Grun

«Mi chiamo Erik Grun. Studio economia a Berlino e sono un membro attivo della FSFE da quasi quattro anni. Il mio interesse nel Software Libero deriva da un punto di vista piuttosto pratico. Volevo imparare a programmare e un modo per farlo, era lavorare su software già esistenti. Se rilasciato con una licenza libera, puoi iniziare leggendo e comprendendo il codice sorgente e se pubblichi le tue modifiche, la gente può esaminarle e darti un riscontro. Oggi la mia motivazione si è spostata verso ragioni più politiche e filosofiche. Per me il Software Libero è qualcosa su cui non si può essere in disaccordo – come la libertà di parola o la libertà di muoversi. Negare a qualcuno le libertà del Software Libero è negargli i basilari diritti umani».

Breve intervista con Erik Grun (2019)

FSFE: Come ti sei interessato alla FSFE e cosa ti ha motivato a diventare un sostenitore?

Erik Grun: La Free Software Foundation (FSF) si trova oltreoceano e di conseguenza è troppo distante, e io volevo aiutare a promuovere il Software Libero qui a Belino, nella mia città. Fortunatamente c'era già un gruppo locale della Fellowship, che si incontrava regolarmente e la cui attenzione era anche rivolta a portare il Software Libero e i suoi valori nelle scuole. Così ho cominciato il mio volontariato come parte di questo gruppo.

Sostenendo la FSFE hai scelto di essere un volontario. Cosa fai per la FSFE?

Sono attualmente il coordinatore del gruppo locale di Berlino e sono parte del nostro team educativo. Questo significa che i miei compiti sono principalmente organizzare i meeting della nostra Fellowship locale e spargere la voce durante gli eventi aiutando con gli stand, ma è anche molto importante essere attivo nell'aiutare a promuovere le nostre campagne a livello locale parlando e incontrandosi con le persone di altre organizzazioni, politici e così via.

Qual è la parte più divertente nell'essere attivi nella FSFE?

Convincere le persone che lavorano nel settore pubblico del perché dovrebbero sostenere il Software Libero è decisamente interessante, ma aiutare con gli stand è la parte più piacevole. A Berlino abbiamo molti eventi diversi tra loro, che coprono ancor più svariati argomenti che spesso non sembrano nemmeno avere una correlazione con il Software Libero. Convincere le persone a questi eventi che anch'esse hanno bisogno del Software Libero può essere talvolta un po' impegnativo, perché devi sempre adattarti agli eventi che stai visitando, ma è anche ciò che rende questa parte la più divertente.

Al momento quale campagna della FSFE è la tua preferita?

Di certo “Denaro pubblico? Codice pubblico!“, perché molti degli argomenti utilizzati in questa campagna, si adattano anche nel settore educativo. Il motivo probabilmente più ovvio, è che le scuole e le università (come le pubbliche amministrazioni) sono anch'esse pagate con i soldi dei contribuenti, e quindi anch'esse dovrebbero utilizzare il Software Libero. Dovrebbero anche (in egual modo alle pubbliche amministrazioni) utilizzare licenze libere per evitare la dipendenza dai fornitori. A parte questo, ritengo che anche “Libera il tuo Android!” sia molto importante, perché ormai quasi tutti hanno un dispositivo smart nel quale viene preinstallato molto software insidioso non libero. Installando F-Droid (e rimpiazzando Android con un sistema operativo più libero come “LineageOS”) possiamo facilmente mostrare alla gente come può essere la libertà del software, con la speranza che più persone si rendano conto dei vantaggi dati da questa libertà.

Denaro pubblico? Codice pubblico!

Come coordinatore locale, pensi che Berlino sia un polo attrattivo per gli entusiasti del Software Libero?

Sicuramente! A Berlino ci sono tante differenti comunità che utilizzano e promuovono il Software Libero. C'è anche una pagina, lug.berlin, che cerca di dare una panoramica di tutti i gruppi utenti locali che si incontrano e hackerano insieme a Berlino e dintorni.

Hai detto di essere parte del team educativo, di che attività ti occupi in questo ruolo?

Come gruppo della FSFE a Berlino, uno dei nostri principali obiettivi è portare il Software Libero e i suoi concetti nelle scuole. Per questo parliamo con gli insegnanti, in modo che possano passare la loro conoscenza ai bambini, ed è per questo che stiamo cercando di convincere i nostri responsabili sulla inalienabilità del Software Libero per un'equa possibilità educativa.

In una battuta: qual è il maggiore beneficio del Software Libero?

Oggigiorno la tecnologia gioca un ruolo chiave nella nostra vita e, dal momento che con il Software Libero si ha il controllo della tecnologia, questo vuol dire avere più autodeterminazione nella nostra vita.

Qual è il tuo programma preferito di Software Libero?

Dal momento che ci sono così tanti ottimi programmi di Software Libero, è abbastanza difficile per me rispondere, ma credo che sui dispositivi smart devi obbligatoriamente provare app come "Conversations", "NewPipe" e "Transportr". In generale, mi piace veramente Nextcloud, perché ha alcune funzionalità vincenti veramente carine.

Pensi ci sia qualcosa su cui la FSFE possa migliorare o iniziare a lavorare? Qualche augurio per il futuro?

Penso che la FSFE debba impegnarsi maggiormente nel portare il Software Libero, i suoi concetti e i suoi valori nelle scuole, nelle università e simili. Se riusciamo a far utilizzare ai bambini il Software Libero e insegnare loro le ragioni del perché dovrebbero usarlo, non solo inizieranno ad apprezzare la libertà che verrà loro data, ma diventeranno anche politici, programmatori, progettisti, responsabili e così via, che potranno aiutarci nella trasformazione ad una società basata sul Software Libero. Alla fine, ci aiuteranno concretamente nell'avere uno o due giorni liberi in più. ;-)

Meeting della comunità
Diventando un sostenitore permetti il nostro lavoro e aiuti ad assicurare la nostra indipendenza economica.