Notizie

Libertà del Router: Grecia un passo avanti, Germania uno indietro

Pubblicato il:

Gli stati membri UE stanno aggiornando le leggi e implementando le regole per la Libertà del Router. Grecia e Germania hanno fatto i primi passi. Mentre la Grecia ha curato gli interessi degli utenti, la Germania si è mossa nella direzione opposta. I prossimi mesi saranno cruciali ed è fondamentale la partecipazione locale.

La legge sulle telecomunicazioni nell'UE è passata attraverso complesse riforme legislative, coinvolgendo, tra le altre, istituzioni sovranazionali come BEREC, i parlamenti degli stati membri e le Autorità Garanti delle Comunicazioni nazionali (National Regulatory Agencies, NRA). Da dicembre 2020, gli stati membri UE hanno iniziato il processo legislativo per implementare il codice europeo delle comunicazioni elettroniche, o EECC (Direttiva (EU) 2018/1972), uno dei componenti principali della riforma, che imposta nuovi standard per la Libertà del Router.

Grecia e Germania sono state i primi paesi UE ad integrare l'EECC nella legislazione nazionale. Ora gli enti regolatori nazionali di entrambi i paesi dovranno decidere le regole che impatteranno lo stato della Libertà del Router nelle proprie giurisdizioni. La FSFE ha seguito da vicino i nuovi sviluppi e ha preso parte nei processi consultivi. In aggiunta, abbiamo preparato un pacchetto di attività per aiutare le comunità locali ad attivarsi con le proprie autorità di regolamentazione nazionali.

Router Freedom Activity Summary
Scopri di più sulla Libertà del Router in Europa con il sommario delle attività della FSFE.

Grecia: sulla strada giusta verso la Libertà del Router

Nella seconda metà del 2020, la Grecia ha integrato l'EECC nella legislazione nazionale, nella quale l'ente regolatore greco avrebbe dovuto specificare se l'utente avesse il diritto di scegliere e usare il proprio router. A marzo 2021, la NRA greca (EETT) ha lanciato una consultazione pubblica e ha presentato una conclusione preliminare (in greco) a favore della Libertà del Router. Secondo il regolatore, la Libertà del Router sarebbe pienamente compatibile con la legislazione greca e non creerebbe restrizioni di mercato o problemi di interoperabilità. La EETT ha anche confermato che la Libertà del Router assicurerebbe nel modo migliore la privacy e la protezione dei dati dell'utente.

Ad aprile 2021, la FSFE ha preso parte alla consultazione pubblica (in greco) sostenendo la conclusione preliminare dell'EETT e sottolineando le argomentazioni in favore della Libertà del Router. Le argomentazioni della FSFE sono state sostenute dalle altre sei organizzazioni nel campo dei diritti digitali, della protezione dei consumatori e della rappresentanza delle aziende, che hanno sottoposto alla consultazione posizioni analoghe:

Passi per la Libertà del Router
Sosteniamo ampiamente la conclusione preliminare dell'EETT in favore della Libertà del Router.

Germania: non abbastanza nell'estendere i diritti degli utenti

A dicembre 2020, il governo federale tedesco ha sottoposto una proposta per includere l'EECC nella legislazione interna, la legge sulla modernizzazione delle telecomunicazione (TKG-E). In modo discutibile, l'enorme documento, con più di 400 pagine, è stato reso disponibile per la consultazione pubblica solo per 4 giorni. Il periodo estremamente ristretto ha impedito agli interessati di analizzare adeguatamente le regole nel dettaglio e fornire un riscontro più strutturato. Ciononostante, la FSFE ha presentato una posizione (in tedesco) criticando il testo della bozza per la mancanza di prospettiva per i diritti degli utenti.

La legge proposta fallisce nel riflettere il progresso che la Libertà del Router ha raggiunto nel paese fin dal 2016. Abbiamo affermato che la Libertà del Router deve essere lo standard non solo per una consistenza con la legislazione interna, ma anche per l'esperienza estremamente positiva all'interno del mercato, sostenendo il pieno controllo digitale dell'utente. Ad aprile 2021, la TKG è stata approvata (in tedesco) permettendo alla NRA tedesca di restringere la Libertà del Router sotto certe condizioni.

A questo punto, per conformarsi alla TKG, la NRA tedesca (BNetzA) dovrà decidere se l'utente potrà utilizzare il proprio apparato. Il processo di decisione dovrà passare attraverso una consultazione pubblica. Seguiremo da vicino il processo con BNetzA per salvaguardare l'esperienza positiva che la Libertà del Router ha raggiunto negli ultimi cinque anni. Crediamo fermamente che il regolatore abbia tutti gli elementi necessari per rafforzare la Libertà del Router in Germania.

Come puoi aiutare

I prossimi mesi saranno fondamentali per la Libertà del Router in Europa. Altri paesi stanno facendo partire iniziative legislative che richiederanno un'intensa collaborazione tra persone, organizzazioni e comunità. Anche tu puoi essere parte di questi processi. Con il nostro pacchetto di attività, puoi conoscere meglio i vari vantaggi della Libertà del Router e la situazione in Europa. In aggiunta, abbiamo allestito un sondaggio per l'utente per conoscere meglio le problematiche che gli utenti stanno avendo con i loro ISP a riguardo della Libertà del Router. La tua opinione ci aiuterà a conoscere i problemi che ci sono in Europa e faciliterà la nostra comunicazione con le autorità di regolamentazione.

Router Freedom Survey
Ci aspettiamo di imparare di più con tua esperienza sulla Libertà del Router. Prendi parte al sondaggio: richiederà solo pochi minuti!

In aggiunta, diventando un donatore della FSFE, aiuteresti a rendere possibile il nostro coinvolgimento a lungo termine e il nostro impegno specializzato nel difendere il diritto delle persone nel controllare la tecnologia.

L'iniziativa della Libertà del Router

La Libertà del Router è il diritto che hanno gli utenti di qualsiasi provider Internet (Internet Service Provider, ISP) di scegliere e utilizzare un modem e router privati anziché il dispositivo fornito dall'ISP. Dal 2013 la Free Software Foundation Europe si è attivata con successo per la Libertà del Router, promuovendo la libertà dell'utente di scegliere e utilizzare il proprio apparato terminale, prima in Germania come precedente ed ora in molti paesi europei. Unisciti a noi e conosci i vari modi per partecipare.

Commenta l'articolo