Fin dal 2001 la FSFE ha sempre lavorato per aumentare i diritti degli utenti rimuovendo gli ostacoli alla libertà del software. Per 20 anni abbiamo aiutato le persone e le organizzazioni a capire come il Software Libero contribuisce alla libertà, alla trasparenza e all'autodeterminazione.

Abbiamo bisogno del tuo aiuto per i prossimi due decenni. Vogliamo che tutti possano avere il controllo sulla propria tecnologia. Il Software Libero e le sue libertà di uso, studio, condivisione e miglioramento sono la chiave per raggiungere questo obiettivo.

Notizie

Legge sui mercati digitali: la FSFE chiede la neutralità del dispositivo

Pubblicato il:

Nell'imminente voto della legge sui mercati digitali (Digital Markets Act) - l'ultima proposta UE sulla regolamentazione della piattaforma Internet - la FSFE richiede la neutralità del dispositivo come elemento fondamentale per salvaguardare la protezione dei consumatori in un mercato digitale aperto, equo e contendibile.

Se da una parte i dispositivi digitali sono una realtà onnipresente in tutti gli aspetti della nostra vita, dall'altra il controllo del loro hardware e del software che gira in essi è sempre più limitato dalle piattaforme Internet, dai fornitori di servizi digitali, dai produttori hardware e dai venditori. La legge sui mercati digitali (DMA, Digital Markets Act) della Commissione Europea è uno strumento di regolamentazione per le grandi aziende di Internet che fanno da gatekeeper (i "portinai" che controllano l'accesso) nel mercato digitale. I gatekeeper possono essere le piattaforme Internet, i fornitori di servizi, i produttori e i venditori che soddisfano i criteri definiti nella legge. Questa iniziativa di regolamentazione è un tentativo di creare un mercato più equo e più competitivo per le piattaforme online nell'UE. Il 22 novembre, la commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori (IMCO, Internal Market and Consumer Protection) del Parlamento Europeo voterà la sua posizione.

La FSFE esorta i membri del Parlamento Europeo a salvaguardare i principi della neutralità del dispositivo basati sugli Standard Aperti e sull'interoperabilità nell'imminente votazione, garantendo gli interessi dei consumatori per un mercato digitale nell'UE contendibile, aperto e competitivo.

Il Software Libero e la neutralità del dispositivo

La neutralità del dispositivo si traduce come non discriminazione di servizi e app di fornitori, produttori e venditori. L'obiettivo della neutralità del dispositivo è quello di permettere ai consumatori di bypassare i gatekeeper e di consentire un equo e non discriminatorio utilizzo del Software Libero negli strati applicativi e di sistema operativo dei dispositivi. La FSFE richiede l'inclusione dei seguenti principi nella legislazione DMA:

Principi della neutralità del dispositivo: consenso esplicito per le app preinstallate, nessuna dipendenza dal fornitore, interoperabilità basata sugli Stardard Aperti, portabilità dei dati in tempo reale
Principi della neutralità del dispositivo

Prossimi passi

Dopo il voto della commissione di lunedì 22 novembre, la proposta verrà integrata con gli emendamenti che verranno approvati. Il prossimo sarà il voto generale per raggiungere la posizione definitiva del Parlamento Europeo, programmato per dicembre. La FSFE continuerà a monitorare da vicino l'intero processo e richiederà la piena estensione della neutralità del dispositivo nel testo di legge, in modo che gli utenti abbiano i mezzi per controllare la tecnologia.

«I mercati digitali beneficeranno dalle proposte di regolamentazione del DMA. La neutralità del dispositivo è essenziale per un mercato equo, competitivo e contendibile. Chiediamo delle regole sul consenso più stringenti per le app preinstallate, nessuna dipendenza dal fornitore, piena interoperabilità e portabilità dei dati in tempo reale. Il Software Libero e gli Standard Aperti sono la chiave per raggiungere questi obiettivi» afferma Lucas Lasota, vice coordinatore legale della FSFE.