Fin dal 2001 la FSFE ha sempre lavorato per aumentare i diritti degli utenti rimuovendo gli ostacoli alla libertà del software. Per 20 anni abbiamo aiutato le persone e le organizzazioni a capire come il Software Libero contribuisce alla libertà, alla trasparenza e all'autodeterminazione.

Abbiamo bisogno del tuo aiuto per i prossimi due decenni. Vogliamo che tutti possano avere il controllo sulla propria tecnologia. Il Software Libero e le sue libertà di uso, studio, condivisione e miglioramento sono la chiave per raggiungere questo obiettivo.

Newsletter

La neutralità del dispositivo è realtà ++ Stoccolma ++ Infrastruttura FSFE ++ IA

Pubblicato il  

Nella newsletter di gennaio conosciamo lo sviluppo per lo più positivo per la libertà del software della legge sui mercati digitali. Leggi di come la mancanza di codice pubblico costi a Stoccolma 100M€. I nostri hacker di sistema rivelano l'infrastruttura della FSFE. Vincent Lequertier sottolinea la trasparenza per l'IA. Il FOSDEM è alle porte.

La neutralità del dispositivo diventa finalmente una realtà

Il Parlamento Europeo ha approvato la legge sui mercati digitali (Digital Markets Act) che introduce il principio della neutralità del dispositivo. Questo è un primo passo importante. Il diritto per gli utenti finali di utilizzare il proprio dispositivo e il sistema operativo di propria scelta è un importante fattore per garantire l'accesso dei sistemi operativi di Software Libero alle piattaforme dominanti. Questa opzione permette l'adozione del Software Libero ad un pubblico più ampio quale realtà di tutti i giorni per molti utenti.

La legge sui mercati digitali protegge gli utenti dal momento che richiede un consenso più esplicito per le app preinstallate, mira a prevenire la dipendenza dal fornitore e richiede la portabilità dei dati in tempo reale. Ci rammarichiamo invece che il voto non abbia contemplato l'imposizione degli Standard Aperti come criterio per definire l'interoperabilità.

La mancanza di codice pubblico costa alla città di Stoccolma 100 milioni di Euro

I genitori che vivono nella città di Stoccolma ricevono informazioni sulle scuole o asili dei loro bambini direttamente sui loro dispositivi mediante la Skolplattformen ("Piattaforma scuola"), una piattaforma digitale offerta dalla città di Stoccolma. Il costo stimato della piattaforma è di 100 milioni di Euro e, benché finanziata con denaro pubblico, il codice di Skolplattformen è privato. I genitori hanno rilevato anomalie e falle di sicurezza nella piattaforma e hanno corretto loro stessi i difetti. Hanno così creato un'alternativa di Software Libero funzionale e sicura, la Öppna skolplattformen ("Piattaforma scuola aperta"). La città di Stoccolma ha trascinato in una controversia legale gli sviluppatori che intendevano essere di aiuto.

Intervista con Christian Landberg e Alexander Crawford della Öppna skolplattformen

Abbiamo intervistato Christian Landberg e Alexander Crawford, le due persone che hanno principalmente contribuito all'iniziativa. Secondo Alexander Crawford, Öppna skolplattformen cambia lo scenario della tecnologia e della digitalizzazione nel civile e nel settore pubblico.

Un'infrastruttura che rispecchia gli ideali di libertà del software

Organizzazioni con risorse limitate possono avere il pieno controllo digitale e fornire comunque servizi moderni? Non è banale, ma la FSFE dimostra che questo è possibile. Abbiamo massimizzato il nostro controllo sui servizi e sui server utilizzando il Software Libero. Dimostriamo trasparenza internamente ed esternamente. La complessità dei nostri sistemi è sostenibile e, al contempo, forniamo una varietà di utili funzionalità.

La FSFE condivide una panoramica della sua infrastruttura digitale in un articolo che può aiutare altre ONG a diventare indipendenti da fornitori di servizi proprietari. Lasciati guidare in un viaggio attraverso la nostra infrastruttura e i suoi principi, passando da stupende interfacce utente dei nostri servizi a metodi di virtualizzazione e monitoraggio per arrivare ai server fisici dove essi girano. La nostra infrastruttura è gestita dal team degli hacker di sistema.

Intervista con Vincent Lequertier sulla IA

Vincent Lequertier è un membro del team degli hacker di sistema e un ricercatore che si occupa di intelligenza artificiale per l'assistenza sanitaria. Per i 20 anni di FSFE, abbiamo intervistato Vincent per parlarci degli aspetti fondamentali dell'intelligenza artificiale. La trasparenza nell'IA è necessaria per valutare e capire come vengono elaborati i dati e come sono calcolati i risultati. Il Software Libero gioca un ruolo fondamentale nel rendere l'IA più trasparente.

Vincent Lequertier presenta i punti fondamentali dell'IA durante un meeting della comunità della FSFE a Bolzano. Italia, 2019.

Vincent fa notare che nel settore sanitario sono largamente disponibili alcune statistiche aggregate. Secondo la sua stima, l'apertura e gli aspetti collaborativi della ricerca sull'IA miglioreranno. L'intervista tocca tematiche all'avanguardia come la possibilità dell'IA di ottenere i diritti legali per reclamare il copyright.

Segnati gli appuntamenti

Cosa abbiamo fatto

Contribuisci alla nostra newsletter

Se vuoi condividere qualche pensiero, immagine, o notizia, inviacele. Come sempre, l'indirizzo è newsletter@fsfe.org. Ci aspettiamo di ricevere tue notizie! E se vuoi anche sostenere noi e il nostro lavoro, unisciti alla nostra comunità e sostienici con una donazione o un contributo mensile. Un grazie alla nostra comunità e a tutti i volontari, i sostenitori e i donatori che rendono possibile il nostro lavoro. E grazie ai nostri traduttori, che ti permettono di leggere questa newsletter nella tua lingua.

Un saluto da chi ti scrive, Fani Partsafyllidou