Newsletter

FSFE Newsletter - Novembre 2016

Pubblicato il  

Consultazione pubblica sulla nostra Fellowship

Sin dal 2005, la FSFE ha mantenuto due differenti marchi: la FSFE e la Fellowship. Mentre questo aveva un senso all'inizio, crescendo si è dimostrato progressivamente scomodo perché ha creato una separazione fra i Fellow e la FSFE come se fossero due entità separate, ignorando il fatto che lavoriamo tutti insieme! Di conseguenza, abbiamo ridotto le nostre attività che promuovono la "Fellowship" come qualcosa di distinto dalla FSFE, e parliamo di più dei "Gruppi FSFE" al posto di "Gruppi Fellowship", per i nostri gruppi locali.

Adesso dobbiamo decidere come sviluppare questi marchi nel futuro. Basandoci su una discussione iniziale tra i nostri coordinatori e il nostro team principale, abbiamo sviluppato una proposta che troverai qui sotto dove essenzialmente si vorrebbe deprecare la Fellowship, e mettere tutto sotto l'egida della FSFE. Essendo una parte importante della nostra comunità, il tuo feedback è importante per noi. Per questa consultazione pubblica, saremo felici di sapere quello che pensi a riguardo entro il 30 novembre 2016, data dopo la quale faremo un riassunto di tutti i riscontri ricevuti sui quali baseremo la nostra decisione.

Tutte le modifiche che derivano da questa proposta, nella sua forma attuale o nella forma che prenderà in base ai riscontri ricevuti, saranno messe in pratica durante il 2017. Puoi inviare il tuo riscontro a contact@fsfe.org.

Ti prego di notare che in questa proposta usiamo il termine "Sostenitore" come alternativa a "Fellow". Saremo felici di ascoltare le tue opinioni riguardo questo punto. Altre opzioni sono "Promotore", "Sostenitore", "Contributore", "Donatore", ed eventualmente altri nomi che potresti avere in mente. C'è anche la possibilità di mantenere il nome "Fellow" come termine, e deprecare solamente "Fellowship".

PROPOSTA

I nomi "Fellowship" e "Fellow" sono deprecati. Le attività fatte in gruppi locali o il cui nome è messo insieme al marchio "Fellowship" devono essere portate sotto il nome di "FSFE": un evento FSFE, un gruppo locale FSFE, e così via.

La nostra "Comunità" è formata da tutti quelli che si identificano come parte della FSFE, supportando e incoraggiando le nostre attività, contribuendo finanziariamente o partecipando al lavoro. Noi vorremmo che tutti fossero parte della nostra comunità, indipendentemente dal loro livello di coinvolgimento.

Tutti quelli che contribuiscono finanziariamente in modo regolare sono detti "Sostenitori" della FSFE. Il Consiglio può imporre una soglia minima di contribuzione per gestire i costi della transazione. Finanziariamente, i nostri Sostenitori sono la solida base sulla quale fonda la FSFE: il loro contributo finanziario regolare dà la stabilità all'organizzazione. Noi chiamiamo i nostri contributori occasionali "Donatori".

Incoraggiamo tutti quelli che vogliono far parte delle nostre attività ad unirsi ad uno dei gruppi: un gruppo tematico (come i traduttori, webmaster, o simili) o un gruppo geografico (quello di Berlino, il gruppo Nordico, e così via). Unendoti a uno dei gruppi diventerai un "Membro del Gruppo" per quel gruppo. (menbro del gruppo system-hackers, membro del gruppo traduttori).

EIF v.3 – i cittadini richiedono maggiore Software Libero, mentre le aziende cercano dei veri Standard Aperti

La Commissione Europea (EC) ha finalmente pubblicato il resoconto dei contributi ricevuti dalla sua consultazione pubblica per la revisione del Qudro Europeo di Interoperabilità (EIF), un insieme di linee guida per le pubbliche amministrazioni per offrire i servizi elettronici. La FSFE ha inviato precedentemente i suoi commenti e raccomandazioni sulla bozza proposta. In accordo con i risultati della consultazione pubblica, la maggioranza degli intervistati tra i cittadini ha chiesto più Software Libero e Standard Aperti durante la revisione di EIF, mentre gli intervistati tra le aziende e le organizzazioni private hanno chiesto di "promuovere l'uso di (veri) standand aperti e l'introduzione di standard nelle nuove tecnologie". Noi speriamo che la EC voglia seguire i desideri dei cittadini europei e implementare queste raccomandazioni nella revisione di EIF.

Dalla comunità

Cos'altro abbiamo fatto?

Agisci!

Leggi la proposta qui sopra per il marchio Fellowship e invia i tuoi commenti o la tua opinione a contact@fsfe.org.

Buone Notizie per il Software Libero

L'autorità di appalti pubblici dello stato francese ha rinnovato i suoi due contratti per i servizi di supporto ai software liberi nei ministeri e altri uffici governativi. Entrambi i contratti sono stati assegnati ad un gestore di servizi di software libero francese e sono stati originariamente iniziati nel 2012. Altre buone notizie dalla Francia e della città di Nantes, dove il passaggio a LibreOffice lo scorso aprile ha diminuito di costi IT di 1.6 milioni di euro e permetterà alla pubblica amministrazione di risparmiare 260.000 euro ogni anno.

La FSFE nella Stampa

Aiutaci a migliorare la nostra newsletter

Penso che abbiamo dimenticato qualche news o vorresti che qualche specifica notizia apparisse nella prossima newsletter? Hai letto qualcosa riguardo la FSFE nella stampa e vorresti condividerla con noi? Per questo e altri feedback, condividili scrivendo a newsletter@fsfeurope.org

Un grazie a tutti i volontari, Fellows e donatori aziendali che rendono possibile il nostro lavoro,

i vostri editori Erik Albers, Olga Gkotsopoulou, Jonas Öberg e Polina Malaja, FSFE