Newsletter

CWA senza Google +++ Cooperazione internazionale allo sviluppo +++ KDE e REUSE

Scritto da  Pubblicato il  

Nella nostra newsletter di dicembre, puoi leggere dell'App tedesca sul tracciamento coronavirus pubblicata per estendere la libertà del software, del codice pubblico nella cooperazione internazionale allo sviluppo, di un'intervista con Cord-Landwehr di KDE sull'utilizzo di REUSE, del gruppo locale di Zurigo che ha ricevuto un premio e molto altro.

L'App tedesca di tracciamento del coronavirus disponibile senza i servizi Google

Christian Grigis, Fynn Godau, Marcus Hoffmann e Marvin Wißfeld sono riusciti ad ottenere ciò che gli enti ufficiali non hanno fatto per mesi: hanno reso disponibile la tedesca "Corona Warn App" (CWA) per il tracciamento dei rischi di contatto Covid-19 in una versione completamente libera dalle dipendenze di Google e disponibile in F-Droid, l'App store per il Software Libero.

La prima versione della CWA rilasciata in giugno soddisfava le richieste della FSFE, secondo le quali qualsiasi App per il tracciamento del coronavirus deve essere utilizzata su basa volontaria ed essere Software Libero. Ma lo scambio delle chiavi del dispositivo via Bluetooth, tramite cui viene calcolato il rischio, è gestito da un'interfaccia a più basso livello chiamata Exposure Notifications API, che è stata principalmente sviluppata da Apple e Google ed era sostanzialmente proprietaria. Per installarla, è anche necessario utilizzare Google Play Service o lo store iTunes, entrambi proprietari.

Schermata della Corona Warn App

Quindi, se da una parte è stata esaudita la richiesta che la CWA, finanziata con fondi pubblici, venisse rilasciata come Software Libero, dall'altra ci siamo chiesti a cosa serve tutta la libertà guadagnata se poi la soluzione dipende da codice proprietario di terze parti? E se bisogna utilizzare software proprietario per installarla?

Pubblicata indipendentemente in F-Droid

Un primo significativo miglioramento verso la risoluzione della questione è stato fatto dallo sviluppatore di Software Libero e sostenitore della FSFE Marvin Wißfeld a settembre. Ha portato le funzionalità della exposure notification in microG, una implementazione dei servizi proprietari Google con Software Libero. Questo ha permesso perlomeno di utilizzare le diverse App coronavirus a chi possiede uno smartphone Android senza i servizi Google, ma con installato microG.

Alcuni giorni fa, Christian Grigis, Fynn Godau, Marcus Hoffmann e Marvin Wißfeld hanno fatto un ulteriore passo. Hanno integrato il componente di microG per la exposure notification direttamente nella Corona Warn App tedesca. Questo è un rimpiazzo perfetto che permette di utilizzare la CWA a chi non ha installato né i servizi Google né l'equivalente Software Libero microG. Hanno anche reso disponibile l'App in F-Droid, un App store con solo Software Libero.

Vorremmo ringraziare tutte le persone che hanno reso possibile utilizzare la CWA in Germania senza essere costretti ad accettare una qualsivoglia perdita di libertà del software. La FSFE fa anche appello ai governi e alle amministrazioni affinché pubblichino il software sviluppato come Software Libero, che interrompano le dipendenze dagli App store di Google e Apple rendendo invece le loro App installabili da sorgenti indipendenti come F-Droid, e che abbandonino le dipendenze da software proprietario.

La FSFE richiede codice pubblico per la cooperazione internazionale allo sviluppo

La digitalizzazione della cooperazione internazionale allo sviluppo sta crescendo. Che si tratti di agricoltura, di produzione industriale, di assistenza sanitaria o di pubblica amministrazione, lo sviluppo e il mantenimento dei moderni processi sociali non è più pensabile senza software. Il Software Libero sta diventando pertanto una tecnologia fondamentale per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La cooperazione internazionale allo sviluppo si sforza di raggiungere gli obiettivi di sostenibilità dell'ONU migliorando le condizioni globali e aiutando i partner locali. Come accade in generale per la libertà del software, anche la cooperazione internazionale allo sviluppo dovrebbe ridurre le dipendenze e andrebbe evitata a tutti i costi qualsiasi nuova dipendenza.

Insieme ad esperti del settore, la FSFE ha riassunto queste interrelazioni in un articolo e richiede che il software finanziato pubblicamente nella cooperazione internazionale allo sviluppo sia pubblicato come Software Libero.


Inizia il nuovo anno come sostenitore della Free Software Foundation Europe


Prossimi eventi

PMPC Video in olandese

I sostenitori della FSFE dei Paesi Bassi hanno creato la traduzione in olandese del popolare video della campagna "Denaro pubblico? Codice pubblico!". Dopo una prima visione tenutasi il 25 novembre nell'incontro online olandese, puoi vedere anche tu il video.

Nico Rikken, il coordinatore della FSFE nei Paesi Bassi che è stato il principale responsabile del progetto, ha scritto un dettagliato post sull'intero processo - dalla traduzione dei sottotitoli alla registrazione dell'audio all'editing e mastering finale. Nico l'ha scritta sia per tua curiosità, sia perché tu possa attivarti: "Ho scritto questo post per incoraggiarti a fare lo stesso e risparmiare tempo suggerendoti una metodologia. Nel farlo ho imparato qualche cosa in più e ho potuto utilizzare dei programmi di Software Libero che prima non conoscevo".

Con la versione olandese, il video della campagna "Denaro pubblico? Codice pubblico!" è ora tradotto e doppiato in sette lingue (DE, EN, FR, IT, NL, PT, RU) e sottotitolato in nove (DE, EN, ES, FR, IT, NL, PT, SK, RU). Se desideri avere la tua lingua nella lista, contatta Nico o la FSFE.

Cosa abbiamo fatto? Dentro e fuori la FSFE

Dal Planet

Attiviamoci: 20 anni di FSFE

Questa volta non ti diamo nessun particolare spunto, ma solo un promemoria generale: il prossimo anno la FSFE compirà 20 anni e vorremmo festeggiare insieme a te. Guarda quindi le nostre notizie. Ci saranno informazioni interessanti sulla storia della FSFE. Ti presenteremo alcuni dei nostri ben conosciuti membri della comunità e scaveremo anche nelle vecchie storie di successo e anche in alcuni nostri fallimenti un po' divertenti. In particolare, fai attenzione alle diverse campagne che stiamo pianificando a cui potrai partecipare: ci aspettiamo di vedere molti di voi prendevi parte.

Bando per il supporto della FSFE al tuo progetto locale

È ancora attivo il nostro secondo bando per i progetti della comunità della FSFE. Ti supportiamo volentieri con la nostra competenza, il nostro materiale informativo, la nostra rete o anche finanziariamente. Partecipare è semplice: basta riempire un breve form online entro il 10 gennaio 2021.

Tra le candidature che sono state accettate nel precedente bando c'è GnuLinux.ch, che abbiamo supportato con pubblicità, con un nuovo logo, con adesivi e con un kit di registrazione per il loro podcast periodico. Un altro progetto che sosterremo sono gli eventi di installazione Freedombox, a cui daremo supporto fornendo le strutture. Se hai bisogno del supporto per un progetto della comunità FSFE, non esitare a candidarti.

Lampadina disegnata su una lavagnetta, rappresentante un'idea, vicino al loghi della fsfe e di ilovefs

Contribuisci alla nostra newsletter

Se vuoi condividere qualche pensiero, immagine, o notizia, inviacele. Come sempre, l'indirizzo è newsletter@fsfe.org. Ci aspettiamo di ricevere tue notizie!

E se vuoi anche sostenere noi e il nostro lavoro, unisciti alla nostra comunità e sostienici con una donazione o un contributo mensile.

Grazie alla nostra comunità e a tutti i volontari, i sostenitori e i donatori che rendono possibile il nostro lavoro. E grazie ai nostri traduttori, che ti permettono di leggere questa newsletter nella tua lingua.

Un saluto da chi ti scrive, Erik Albers


Sostienici con una donazione


Commenta l'articolo