12135€ of 212000€

La tua donazione fa la differenza! Dai il tuo supporto per promuovere la libertà e i diritti digitali!

Newsletter

La FSFE vince Datathon UE ++ Vincitori YH4F e nuovo giro ++ No a controllo chat

Pubblicato il  

"TEDective" della FSFE, un programma per aiutare ad analizzare la spesa pubblica, vince il primo premio nel Datathon UE, e riparte il nostro concorso Youth Hacking 4 Freedom. Una bozza di legge UE potrebbe imporre chat sicure. Cittadini in Svezia hanno voce con Decidim, e la FSFE Svizzera chiede alle amministrazioni di unirsi ai social federati.

L'app sui dati aperti TEDective della FSFE vince il Datathon UE

La proposta della FSFE "TEDective" vince il primo premio per la sfida sulla "trasparenza negli appalti pubblici" nel Datathon UE, il concorso europeo sui dati aperti. TEDective lavora con i dati degli appalti pubblici UE. Il programma del prototipo ci aiuta ad analizzare come le amministrazioni pubbliche nell'Unione Europea spendono i loro soldi. Ad esempio, permette ai giornalisti di scoprire quanto denaro il governo spende su licenze e prodotti Microsoft, ma aiuta anche a confrontare questa spesa con altre regioni in casi simili o anche in relazione ad altri paesi. Sei un esperto di dati che vuole aiutare? Email tedective@fsfe.org.

Organizzatore consegna una placca di vetro ad una persona sul palco
Alexander Sander e Linus Sehn, membri del team di TEDective, ricevono il premio Datathon UE.

Vincitori YH4F!

Dopo un anno di codifica e valutazione, giunge al termine il concorso Youth Hacking 4 Freed, con dei progetti sbalorditivi. Oltre centro persone provenienti da 25 paesi si sono registrate per il concorso, rendendolo un vero evento paneuropeo. I sei programmi vincitori sono stati una trascrizione del linguaggio dei segni, un robot da tavolo smart, un assistente personale, un tutorial per la musica, un programma di condivisione file, e una programmazione per i compiti a casa. Tutti Software Libero.

Quattro giovani che sorridono tenendo in mano i trofei e i certificati di partecipazione
Quattro dei vincitori, Ekaterina, Miquel, Héctor e Stavros, con i loro premi.. Bruxelles, Ottobre 2022.

Vuoi conoscere alcuni dei partecipanti e la loro motivazione? Leggi la nostra intervista! Alexia, Ekaterina e Miquel si presentano.

Un tavolo con vassoio e cassetto che escono. Sulla destra, una sedia a rotelle si adatta perfettamente davanti al tavolo, perché il tavolo ha uno spazio proprio a livello dei piedi. A sinistra, un giovane tieni in mano il telecomando del tavolo
Miquel fa una dimostrazione dello Smart Table Assistant. Conosci tre dei partecipanti nella loro intervista.

Riparte il concorso YH4F!

Sono state appena aperte le registrazioni per la seconda edizione di “Youth Hacking 4 Freedom”, il concorso di hacking promosso dalla FSFE per adolescenti di tutta Europa. Questa gara offre ai giovani tra i 14 e i 18 anni l'opportunità di sfidarsi, incontrare persone che la pensano allo stesso modo e vincere premi in denaro. Registrati entro il 31 dicembre 2022 e condividi questa opportunità con scuole e giovani hacker!

Bozza di legge UE potrebbe imporre chat sicure

La Commissione Europea ha proposto una direttiva sul controllo obbligatorio delle chat, con il presunto scopo di contrastare efficacemente gli abusi sessuali sui minori. Se la legge verrà applicata, i fornitori di servizi Internet dovranno monitorare e controllare tutte le comunicazioni dei cittadini, incluse quelle crittografate in modo sicuro. È una minaccia per tutta la nostra comunicazione privata. Oltre a questa minaccia, sono solo grandi aziende del mercato che potrebbero svolgere questo controllo forzato di scansionare ogni singolo messaggio. Equivarrebbe ad ostacolare gli sviluppatori di Software Libero dallo scrivere ed eseguire le proprie versioni di software di comunicazione, e potrebbe privarci di interfacce di programmazione standard aperte.

Podcast: cittadini partecipano all'amministrazione locale

Ora è più facile che mai per un comune di chiedere ai suoi cittadini a quali progetti di costruzione dare priorità, su distribuire un dato budget, o altre questioni. Nel nostro ultimo Software Freedom Podcast, Petter Joelson, direttore della svedese ONG Digidem Lab, spiega la potenza della piattaforma di partecipazione “Decidim” basata sull'implementazione in Svezia. Con Decidim, i comuni possono progettare i processi cittadini in modo modulare per soddisfare le proprie esigenze.

Due persone che sorridono in un selfie
Petter Joelson è il nostro ospite nella nostra nuova puntata del Software Freedom Podcast.

Le amministrazioni svedesi utilizzano bilanci partecipativi, budget in cui partecipano i cittadini. I cittadini presentano proposte e l'amministrazione esamina se la proposta è legale e fattibile. Poi i cittadini votano sulle proposte approvate. Con Decidim il processo e il tempo necessario per implementare il progetto può essere monitorato da tutti ed è possibile controllare se qualcosa non sta andando secondo quanto stabilito. Il software è progettato e adatto per implementazioni su larga scala. Molte città usano già Decidim, per esempio New York, Barcellona e Helsinki.

Fedigov: FSFE Svizzera chiede alle amministrazioni di unirsi a Mastodon

Quando le istituzioni pubbliche condividono un messaggio sui social non dovrebbero limitarsi a farlo su piattaforme proprietarie. Per comunicare efficacemente con tutti i cittadini, compresi coloro che sono giustamente interessati alla propria privacy, le amministrazioni dovrebbero utilizzare anche i social federati. La FSFE Svizzera e GNU/Linux.ch lo spiegano alle autorità locali. Il sito web Fedigov (disponibile anche in tedesco, francese, italiano) mostra che la comunicazione etica è a beneficio del settore pubblico. È possibile utilizzare il modello e inviare una lettera alle autorità locali chiedendo loro di aderire Mastodon, Pixelfeld e Peertube.

Illustrazione di un elefante felice che saluta di fronte ad un edificio neoclassico. Testo: Fedigov

Segnati i prossimi appuntamenti!

Eventi passati

Gruppi FSFE

Bielorussia: Il gruppo di Minsk della FSFE e appassionati di GNU/Linux si sono incontrati a Minsk. È il primo incontro in presenza dopo un lungo periodo di comunicazioni solo virtuali. Sono stati discussi diversi argomenti relativi all'utilizzo e alla creazione di Software Libero. Tra questi c'era Intel TDX confidential computing, lo stato del progetto Lustre, cluster Kubernetes, OpenStreetMap e l'esperienza utente con Pine Phone. L'evento si è concluso con un barbecue per tutti i partecipanti.

Germania: Ana Galan, responsabile di progetto senior delle comunicazioni della FSFE, ha partecipato al meeting di ottobre del gruppo di Berlino. Il gruppo ha anche organizzato uno stand al FifFkon, e parlato all'incontro mensile sull'educazione dello strumento di videoconferenza OpenTa. Il gruppo di Amburgo si incontra mensilmente.

Italia: La FSFE ha festeggiato il Linux Day il 22 ottobre a Milano. Marta Andreoli, vice coordinatrice per l'Italia, ha fatto una panoramica delle associazioni di Software Libero in Italia, Natale Vinto ha presentato "Denaro pubblico? Codice pubblico!" e Stefano Costa ha parlato della Libertà del Router in Italia e in UE.

Paesi Bassi: È stata annunciata la consultazione sulla Libertà del Router in Belgio e il gruppo dei Paesi Bassi sta lavorando nella formulazione di una posizione su questo e tradurla in olandese. Il gruppo ha incontrato il team della FSFE a Arnhem, dove la FSFE ha tenuto la propria assemblea generale. Il gruppo ha anche discusso dell'esodo degli sviluppatori da GitHub verso codeberg.org e git.sr.ht per via di Copilot.

Svizzera: Volontari svizzeri, inclusi i gruppi locali di Basilea e Zurigo, hanno lanciato la campagna Fedigov. Dopo i recenti sviluppi di Twitter, è giunto il momento di portare le comunicazioni pubbliche nel Fediverso. Tutti i gruppi locali possono unirsi alla campagna Fedigov! È disponibile il codice del sito web, ogni gruppo può fare un fork e adattarlo. E la FSFE Svizzera può aiutare ad implementare l'iniziativa in altri paesi.

Donne: Nel meeting online di ottobre, il gruppo ha discusso i sistemi di calendario per siti web e ha proposto di creare un'introduzione dei membri sotto forma di gioco.

Contribuisci alla nostra newsletter

Se vuoi condividere qualche pensiero, immagine, o notizia, inviacele. Come sempre, l'indirizzo è newsletter@fsfe.org. Ci aspettiamo di ricevere tue notizie! Se vuoi anche darci una mano e sostenere il nostro lavoro, unisciti alla nostra comunità e sostienici con una donazione o un contributo mensile. Un grazie alla nostra comunità e a tutti i volontari, i sostenitori e i donatori che rendono possibile il nostro lavoro. E grazie ai nostri traduttori, che ti permettono di leggere questa newsletter nella tua lingua.

Un saluto da chi ti scrive, Fani Partsafyllidou